PROGRAMMA DI COMUNITÀ

PROGRAMMA DI COMUNITÀ

IL PROGETTO BENESSERE

Il progetto terapeutico si articola in un programma personalizzato volto ad un graduale e volontario inserimento dell’ospite nella struttura e nel gruppo comunitario. Ciò al fine di fargli acquisire le competenze per il suo reinserimento sociale. Tale iter terapeutico-riabilitativo viene continuamente monitorato da parte di tutta l’équipe delle comunità.

Le fasi del processo riabilitativo si articolano nella seguente modalità:

- il momento dell’ingresso del paziente in cui si procede alla raccolta anamnestica personale e familiare attraverso lo studio della precedente documentazione clinica, colloqui con il CSM di riferimento, con i familiari e con il paziente stesso.

- il periodo di osservazione che precede lo sviluppo del progetto individualizzato in cui ci si propone di analizzare cinque aree:

  • la cura personale che comprende igiene personale, cura dell’aspetto (barba e capelli) e dell’abbigliamento, compliance al trattamento psicofarmacologico, attenzione ai propri bisogni fisici (alimentazione e malattia)
  • la cura del proprio spazio di vita: collaborazione alle attività domestiche (mantenere in ordine i propri spazi e i propri oggetti e degli spazi comuni);
  • le relazioni familiari: la qualità e la quantità degli incontri con i genitori, i familiari o il proprio partner;
  • lo spazio sociale: abilità relazionali, partecipazione alle attività sia riabilitative che ricreative;
  •  la capacità di rispettare le regole e la tolleranza alle frustrazioni.
 

- il periodo di osservazione clinica e del comportamento viene effettuato un’assessment strutturato con apposite scale di valutazione quali Kennedy, MMSE, Bprs , che consentono di valutare le risorse esistenti e le abilità carenti.

Successivamente la batteria dei test viene integrata con la somministrazione dell’MMPI e della WAIS.

In base agli obiettivi del progetto terapeutico riabilitativo individuale avviene l’inserimento nei gruppi di attività riabilitative. La scelta di un’attività avviene sia per volontà espressa del paziente sia su indicazione tecnica dell’equipe tenendo conto delle personali risorse/potenzialità, limiti e attitudini.

Per tale motivo il progetto è personalizzato e flessibile a seconda dei diversi momenti del percorso. A tale scopo sono programmati momenti di verifica semestrali , riunioni di staff giornaliere e discussioni cliniche.

I familiari sono considerati parte attiva del progetto e vengono coinvolti con colloqui periodici per seguire il percorso comunitario ed affrontare insieme con l’equipe di comunità ed affrontare le problematiche psicologiche rilevanti.

Relazioni sullo stato dei pazienti vengono periodicamente inviate alle strutture competenti ( CSM territoriali) ed al momento delle dimissioni viene rilasciata una relazione dettagliata che illustri gli obiettivi raggiunti e le aree che necessitano di ulteriore intervento.
Share by: